La domesticazione di piante e animali: dal Neolitico una rivoluzione pacifica per una vita più facile. Presentazione del volume “Terra tra le mani” di C. Pezzetta e G. Marchegiani

Azioni sul documento

La Biblioteca ISPRA è lieta di invitarvi all'incontro riguardante la nascita dell'agricoltura e la più grande transizione culturale, sociale e tecnologica nella storia dell'umanità.

Per informazioni è possibile rivolgersi a:
La domesticazione di piante e animali: dal Neolitico una rivoluzione pacifica per una vita più facile.  Presentazione del volume “Terra tra le mani” di C. Pezzetta e G. Marchegiani
Le specie coltivate come le conosciamo oggi, con caratteristiche a noi utili e gradite come l’elevata resa o il buon sapore, sono il prodotto di un processo di domesticazione di piante spontanee iniziato indipendentemente in una dozzina di siti del mondo tra 12.000 e 3.000 anni fa. Seppure con modalità diverse rispetto al lontano passato, la domesticazione è da considerarsi un’attività tuttora in atto. Infatti, il miglioramento genetico, fase conclusiva della domesticazione, è un’opera permanente che oggi impegna agricoltori, ricercatori e imprese nell’ottenimento di varietà coltivate rispondenti ai più svariati obiettivi e necessità della società e dei mercati.
Va ricordato che il processo di domesticazione di piante e animali, iniziato più di 10.000-12.000 anni fa, è stata la più importante transizione culturale, sociale e tecnologica nella storia dell’uomo, perché da essa nasce, nel bene e nel male, l’odierno schema sociale e l’attuale stile di vita. Questo decisivo momento è stato a ragione chiamato “la rivoluzione neolitica”.   La domesticazione di piante ed animali hanno dato origine all'agricoltura, affidata originariamente alle donne e all'allevamento del bestiame, gestita dagli uomini.  Queste attività determinarono la sedentarietà, i surplus alimentari, l'esplosione demografica, la formazione di città e classi sociali, lo sviluppo di strumenti e macchine non trasportabili, la violenza collettiva organizzata (guerra).
Tali affascinati gesta del passato dell'umanità hanno ispirato un albo illustrato per bambini intitolato "Terra tra le mani",  scritto da Cristiana Pezzetta e illustrato da Gioia Marchegiani, edito nel 2015.  La storia affida a una bambina la grande scoperta dell'agricoltura per raccontare ai più piccoli che, nascosti nei gesti semplici possono esserci delle grandi rivoluzioni.
Tale incontro intende illustrare una sorta di parallelo tra storia vera e romanzata per rivivere, ognuno a modo proprio, fatti che sono comuni a tutti ed evidenziare come la memoria collettiva di fatti lontanissimi possa inspirare la creatività negli artisti di oggi.