ISPRA ED ECOLABEL UE A “LE TERRE DEL BIO – TECNOBAR&FOOD” A PADOVA FIERE L’8 E IL 9 OTTOBRE

Azioni sul documento

La Sezione Ecolabel UE del Servizio Certificazioni Ambientali di ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) sarà presente con una propria postazione nelle due giornate conclusive dell’evento (8 e 9 ottobre) alla fiera “Le Terre Del Bio”.

La manifestazione si terrà presso i padiglioni di Padova Fiere all’interno di TecnoBar&Food che, giunta oramai alla 16° edizione, è una vetrina internazionale biennale dedicata al mondo professionale dell'ospitalità: alberghi, ristoranti, pizzerie, panifici, pasticcerie, bar ecc.

Importante sarà la presenza delle principali associazioni di categoria del territorio veneto, nonché la partnership con la città di Abano Terme e l'Istituto Alberghiero Pietro D'Abano.

Il personale ISPRA sarà a disposizione per spiegare ai rappresentanti del settore turistico e a tutti i partecipanti l’importanza e i benefici che certificarsi Ecolabel UE può portare sia per le strutture ricettive sia per i clienti e i cittadini in generale.

ISPRA fornirà a tutti gli interessati informazioni sul marchio di qualità europea Ecolabel Ue, in particolare gli operatori del settore alberghiero potranno chiedere informazioni sull’opportunità di certificare una struttura turistica entrando così nel circolo virtuoso del turismo sostenibile.

I criteri Ecolabel Ue infatti contraddistinguono prodotti e servizi che pur garantendo elevati standard prestazionali sono caratterizzati da un ridotto impatto ambientale durante l’intero ciclo di vita.

La Decisione di riferimento per il servizio di ricettività turistica è la 2017/175/UE; in continuità con i precedenti criteri, che sono andati in prescrizione il 25 settembre di quest’anno, promuove l’uso delle fonti d’energia rinnovabili per favorire il risparmio energetico e idrico, la riduzione dei rifiuti e il miglioramento dell’ambiente locale. I criteri riveduti, con i pertinenti requisiti di valutazione e verifica, saranno validi fino al 2022 in modo da poter tenere in considerazione il ciclo di innovazione per tale gruppo di prodotti.