Progetto BRAVE

Azioni sul documento

Gli strumenti volontari di politica ambientale caratterizzano in modo essenziale l’orientamento delle aziende alla sostenibilità. Essi costituiscono la base di un contratto con i cittadini e la Pubblica Amministrazione: l’impegno nell’adozione di pratiche avanzate di protezione ambientale può vedere, come corrispettivo, forme di premialità, di varia natura.

L’adesione al sistema europeo di Eco-Management and Audit Scheme (EMAS) certifica la concretezza dell’impegno verso la sostenibilità e giustifica l’accesso delle imprese alle forme premiali previste dalla legislazione nazionale e dalle norme locali.

EMAS è uno schema di valore tanto positivo per la sostenibilità da motivare la ricerca di ulteriori efficaci forme di incentivazione per la sua adozione, su cui peraltro in Italia si è investito nel tempo, e con interessanti risultati.

Il progetto BRAVE (Better Regulation Aimed at Valorising Emas) è sviluppato da un insieme di soggetti del mondo della Ricerca e dell’Università, del controllo Ambientale, dell’Associazionismo Industriale ed è sostenuto dal programma Life plus della Commissione Europea e dalle Regioni Lombardia e Basilicata.

BRAVE nasce con l’obiettivo di individuare epromuovere ponderate forme di riduzione del carico normativo ed amministrativo, fattori a cui le Imprese sono notoriamente sensibili.

BRAVE ha ritenuto necessaria un’indagine tra le imprese italiane registrate EMAS, al fine di rilevare opinioni e suggerimenti sul livello di implementazione dei sistemi di gestione ambientale e sugli strumenti di semplificazione amministrativa adottati a livello nazionale e regionale. Il report che contiene i risultati di questa indagine è scaricabile dal sito di progetto (www.braveproject.eu/report-survey-italia) e sarà a breve affiancato da una più ampia Survey europea.

A seguire, il progetto BRAVE ha elaborato un elevato numero di proposte a differenti scale territoriali (UE, Italia, regioni coinvolte), e le sta testando con una serie di imprese ed Autorità Competenti, per affinarle e valutare le oggettive ricadute che produrranno una volta implementate.

 

A marzo 2014 sarà avviata l’ultima fase di progetto, con un’intesa azione di promozione presso il legislatore europeo, nazionale ed i corrispettivi regionali, dei risultati ottenuti. La finalità sarà l’inserimento entro fine 2014 delle proposte di progetto nella normativa vigente, ma già ora sono stati ottenuti i primi risultati (DGR Lombardia n. 4626 del 28/12/2012 su riduzione costi per emissione e rinnovo AIA e per i relativi controlli, e L.R. Liguria n. 50 del 27/12/2012 - art. 26 bis sui controlli).

Leaflet Progetto BRAVE