Ispezioni ambientali in insediamenti AIA nazionali

Azioni sul documento
Ispezioni ambientali in insediamenti AIA nazionali

Le attività svolte sono quelle relative alle attività ispettive e di controllo a esito del rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) sugli impianti di competenza statale limitatamente a quanto disposto al comma 3 dell’art. 29 decies del decreto legislativo n. 152 del 2006 e s.m.i., nonché le attività connesse all’efficace ed uniforme applicazione delle attività di controllo del SNPA sul territorio nazionale tra le quali le attività in ambito UE nella rete europea IMPEL (Implementation and Enforcement of the Environmental Law)

Le categorie di attività soggette al controllo AIA di competenza statale sono indicate dalla norma (allegato XII alla Parte Seconda del D.Lgs. 152/2006).

In particolare l’Art. 29-decies, comma 3, stabilisce che l’ISPRA, per impianti di competenza statale o, negli altri casi, l'autorità competente, avvalendosi delle agenzie regionali e provinciali per la protezione dell'ambiente, accertano, secondo quanto previsto e programmato nell'autorizzazione ai sensi dell'articolo 29-sexies, comma 6 e con oneri a carico del gestore.

L'ISPRA per lo svolgimento delle attività di controllo per gli impianti di competenza Statale, si avvale anche delle Agenzie Regionali per la Protezione dell'Ambiente (ARPA) con le quali stipula apposite convenzioni

Le attività di vigilanza e controllo degli impianti di competenza statale all’interno della Sezione VAL RTEC-ISP sono svolte da Ispettori ambientali ISPRA e sono organizzate secondo macroaree territoriali: Macro Area 1 (NORD); Macro Area 2 (CENTRO); Macro Area 3 (SUD). I coordinatori delle macro aree gestiscono le convenzioni con le Arpa e la relativa rendicontazione. Inoltre, sono stati individuati “Referenti Regionali” per la gestione delle attività di pianificazione e svolgimento delle attività ispettive nelle singole Regioni.

Attraverso i piani di ispezione regionali predisposti dalle Agenzie Regionali per la Protezione dell’Ambiente (ARPA), ISPRA redige un programma di ispezione nazionale previsto su 4 trimestri.

Nel corso degli anni 2017 e 2018, sono state svolte le attività ispettive e di controllo ordinario previste nelle autorizzazioni e programmate da ISPRA e dalle Agenzie Regionali per la Protezione dell’Ambiente (ARPA), in accordo con il D.Lgs. 46/2014.

Per l’anno 2019 sono state programmate da ISPRA e dalle Agenzie Regionali per la Protezione dell’Ambiente (ARPA) attività ispettive e di controllo ordinario riportate nella Programmazione Controlli AIA statali 2019.