ISPRA

Azioni sul documento

Non ce l’ha fatta il cucciolo di foca monaca ritrovato nel leccese

Questa, in sintesi, la storia e la sua evoluzione: nella mattinata di ieri, 27 gennaio, a seguito di una segnalazione, un gruppo di intervento Ispra/Arpa Puglia, coadiuvato da personale specializzato nell’intervento veterinario su questo gruppo di animali della Stazione Zoologica di Napoli, è intervenuto sul posto.

Non ce l’ha fatta il cucciolo di foca monaca ritrovato nel leccese - Leggi il resto

Cucciolo di Foca Monaca sulle coste leccesi

ISPRA: Buone norme da seguire per salvarlo Un giovane esemplare di Foca monaca del Mediterraneo (Monachus monachus) è stato avvistato nei giorni scorsi lungo le coste della provincia di Lecce; si tratta di uno dei mammiferi marini più minacciati, infatti la sua popolazione complessiva è stimata intorno a 700 esemplari distribuiti tra le coste del Sahara atlantico e delle isole Desertas e le principali colonie riproduttive situate in Grecia, Turchia e Cipro. Erano diversi decenni che non si avevano prove documentate di un esemplare così giovane in Italia e per questo il ritrovamento di un giovanissimo esemplare riveste particolare importanza: per monitorare questo fenomeno e garantire un’efficace collaborazione tra le Istituzioni presenti sul territorio, è stato attivato un coordinamento tra ISPRA, Arpa Puglia, Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera e Carabinieri Forestali.

Cucciolo di Foca Monaca sulle coste leccesi - Leggi il resto

Terza giornata di Geologia e Storia: Cavità sotterranee nascoste o scomparse sotto il tessuto urbano

Roma, 22 gennaio La giornata è la terza del ciclo “Giornate di studio di Geologia e Storia”, appuntamenti organizzati per fare il punto sull’attuale stato delle conoscenze riguardo l’ importanza delle fonti storiche e cartografiche per lo studio dei fenomeni geologici e degli eventi catastrofici naturali. La tematica affrontata in questa giornata di studio verterà sui numerosi vuoti sotterranei ancora presenti al di sotto delle città italiane ed in particolare delle aree metropolitane, come Roma, Napoli, Cagliari e Palermo. Le cavità sotterranee dimenticate sotto il tessuto urbano sono molte, caratterizzate a volte da grande estensione e appartenenti a differenti  tipologie: catacombe, cunicoli idraulici, ipogei di vario titolo, cave per estrazione di materiali da costruzione etc. Molti ipogei, un tempo noti, sono stati cercati per secoli e mai più ritrovati perché ormai coperti dalle strutture urbane.

Terza giornata di Geologia e Storia: Cavità sotterranee nascoste o scomparse sotto il tessuto urbano - Leggi il resto

archiviato sotto: