Quintino Sella - Gradienti: Motore della Terra e non solo

Azioni sul documento

QUINTINO SELLA (Sella di Mosso 1827 – Biella 1884). Statista e scienziato, mineralogista, appassionato alpinista, studioso anche di scienze matematiche e di filologia, Sella fu tra i più eminenti rappresentanti della politica italiana della seconda metà del XIX secolo. Fu Segretario generale del Ministero della Pubblica Istruzione nel 1861, assunse nel 1862 la guida del Ministero delle Finanze, che manterrà anche negli anni 1864-1865 e 1869-1873.
Rifondatore, con Terenzio Mamiani, dell’Accademia dei Lincei, ne fu il Presidente dal 1874 al 1884. Con l’istituzione della Classe di Scienze morali, storiche e filologiche promosse importanti iniziative culturali nel contesto di un’ampia prospettiva europea, che vide l’apertura dell’Accademia ai Soci stranieri. Illuminante fu la visione che Sella ebbe della scienza quale veicolo di comunicazione fra i popoli e disciplina di respiro libero e universale. Tra le sue innumerevoli iniziative, fondò la Società Geologica Italiana e il Club Alpino Italiano.
Docente di Matematica nella Facoltà di Scienze di Torino, tra il 1854 e il 1861 si data gran parte della sua produzione scientifica sulla cristallografia teorica e morfologica, i cui risultati sono illustrati con eleganza nelle dispense Sui Principii Geometrici del Disegno e Specialmente dell'Axonometrico e nelle Lezioni di cristallografia, con cui fu tra i primi a introdurre in Italia il metodo delle proiezioni assonometriche. A fianco della sua attività teorica, va ricordata l’invenzione della cernitrice elettromagnetica per separare i cristalli di rame dalla magnetite. Per onorare le sue ricerche mineralogiche gli è stato intitolato il minerale “sellaite” che Sella descrisse per la prima volta nel 1868.
Segreteria della Conferenza:
fox@lincei.it - tel: 06-68027227
www.lincei.it