Ad Atene il XIX incontro tra le parti aderenti alla Convenzione di Barcellona

Azioni sul documento

Ad Atene il XIX incontro tra le parti aderenti alla Convenzione di Barcellona

Il XIX incontro ordinario tra le parti aderenti alla Convenzione di Barcellona (COP) sarà ospitato dal governo greco e si terrà ad Atene dal 9 al 12 febbraio 2016, con la partecipazione del Direttore esecutivo del programma Ambiente delle Nazioni Unite, Mr. Ibrahim Thiaw. I rappresentanti dei 21 paesi mediterranei e dell’Unione Europea dibatteranno sull’adozione di decisioni su biodiversità ed ecosistemi, inquinamento terrestre e marino, consumo e produzione sostenibile e adattamento ai cambiamenti climatici. Queste decisioni, che riguardano specifici aspetti dell’implementazione della Convenzione di Barcellona e dei suoi protocolli, definiranno strategie ed azioni dello sviluppo sostenibile nel Mediterraneo.
Sotto la tematica “Quarant’anni di cooperazione per mare e coste sane e produttive nel Mar Mediterraneo: un viaggio collettivo verso lo sviluppo sostenibile”, l’11 febbraio si terrà una sessione ministeriale, durante la quale i ministri dell’ambiente del Mediterraneo saranno chiamati a rinnovare il loro impegno e la loro determinazione per trovare un indirizzo comune sulle sfide emergenti legate alla protezione ambientale e lo sviluppo sostenibile del Mar Mediterraneo e delle sue coste, nel quadro dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, adottata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite.
L’incontro, che coincide con il XL anniversario del Mediterranean Action Plan (MAP) – Convenzione di Barcellona, arriva nel corso di uno stadio di definizione dello sviluppo sostenibile globale e in un momento chiave per il futuro della regione mediterranea: integrare l’accordo universale e gli obiettivi globali di trasformazione nell’agenda di sviluppo post-2015 portando avanti la transizione verso un’economia “Verde” e “Blu”, implementando un nuovo accordo sui cambiamenti climatici, sforzandosi di ravvivare e spingere i processi e le economie stagnanti, con l’obiettivo di arrivare ad un impatto profondo a tutti i livelli.

Sito del MAP