logo
 
 

Newsletter ISPRA n. 84 - Anno 2015

Febbraio 2015
 

Eventi

Ambiente e Beni culturali. La collaborazione ISPRA-IsCR per una politica di manutenzione, tutela e valorizzazione
Roma, 3 marzo
La presenza sul territorio italiano di una parte consistente del patrimonio storico-artistico mondiale deve rendere il nostro paese particolarmente sensibile allo sviluppo di strategie nel settore della conservazione preventiva e al sostegno di studi e ricerche scientifiche finalizzati ad assicurare il più possibile ottimali condizioni di conservazione. Sulla base delle conoscenze acquisite, ISPRA e l’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro, hanno stipulato oltre 15 anni fa un accordo di collaborazione per mettere in comune conoscenze e dati per migliorare le informazioni relative all’impatto dell’ambiente sui beni culturali e per implementare le informazioni sull’interazione tra le opere d’arte e il territorio in cui esse sono collocate, al fine di programmare le attività di manutenzione di un bene e gli eventuali interventi di restauro.
Continua...

Progettare, costruire ed abitare sostenibile
Roma, 24 febbraio
Ciclo di incontri aperti a tutti: vivere sostenibile e in sicurezza legno, acciaio, vetro
Ritornano in ISPRA i martedì dell’efficienza energetica e della sostenibilità ambientale organizzati dall’Energy Manager di Istituto. Gli appuntamenti di quest’anno riguardano un ciclo di incontri progettati in collaborazione con Archit ROMA e RUBNER Haus e si svolgeranno attraverso una serie di convegni aperti al pubblico con il rilascio di crediti formativi per i professionisti del settore (6 CFP Ordine degli Architetti P.P.C. di Roma e Provincia, 5 CFP Collegio Professionale Periti Industriali di Roma e Provincia).
Continua...

 

Notizie

Giornata di Studio ICOM Lazio sul Turismo Culturale TouristICOM
Roma, 20 febbraio
La sezione del Lazio dell’International Council of Museum, di cui ISPRA è Socio istituzionale, organizza il 20 febbraio a Roma nello splendido Istituto Centrale per la Grafica (dietro Fontana di Trevi) una Giornata di Studio sul Turismo culturale nella Regione Lazio. La Giornata si propone come un momento di riflessione sui temi del turismo culturale, sulle sue implicazioni e ricadute rispetto al territorio ed alle comunità che lo vivono.
Continua...

Recuperiamo terreno. Politiche, azioni e misure per un uso sostenibile del suolo
Con lo scopo di riunire le varie comunità (scientifiche, istituzionali, professionali e sociali) che a vario titolo si occupano dell’uso e del consumo di suolo, e per avviare un percorso che consenta di affrontare la materia con approccio multidisciplinare, ISPRA e il Forum Salviamo il Paesaggio stanno organizzando un convegno scientifico che intende affrontare i seguenti aspetti: monitoraggio dello stato del consumo di suolo; conseguenze delle diverse forme di consumo di suolo sulle componenti ambientali, incluse le funzioni ecologiche che esse svolgono e considerando le implicazioni economiche di questi impatti, come la perdita di capitale naturale e di servizi ecosistemici; pressioni delle diverse forme di consumo di suolo sulle varie componenti (agricoltura, foreste e ambienti naturali, paesaggio, acque sotterranee, acque superficiali, atmosfera, biocenosi, etc.); cause determinanti del consumo di suolo; valutazione delle risposte in termini di strategie e strumenti di intervento possibili, nonché della sostenibilità di uno stop al consumo di suolo netto, previsto dall’Unione Europea entro il 2050.
Continua...

 

Pubblicazioni

La gestione dei rifiuti nei porti italiani
La Direttiva 2000/59/CE, recepita dal D. Lgs. del 24 giugno 2003 n. 182, ha lo scopo di ridurre gli scarichi in mare di rifiuti prodotti dalle navi imponendo a tutte le navi di conferire i loro rifiuti agli impianti portuali di raccolta prima di lasciare il porto. In particolare, l’articolo 5 del D.Lgs n. 182 del 24 giugno 2003 impone l’obbligo per l’Autorità Portuale di redigere un Piano di raccolta e di gestione dei rifiuti prodotti dalle navi e dei residui del carico.
Continua...

Valori climatici normali di temperatura e precipitazione in Italia
I valori normali climatici sono i valori medi o caratteristici di una variabile climatica in un periodo di riferimento sufficientemente lungo. L’Organizzazione Meteorologica Mondiale (WMO) ha fissato a 30 anni la durata del periodo di riferimento. Applicando i criteri di calcolo definiti dalla WMO, sono stati calcolati i valori normali climatici di temperatura (media, minima e massima) e di precipitazione cumulata in Italia.
Continua...

Fattori di emissione atmosferica di CO2 e sviluppo delle fonti rinnovabili nel settore elettrico
Nel lavoro sono descritte le dinamiche della produzione elettrica con particolare attenzione allo sviluppo delle fonti rinnovabili negli ultimi anni. Il rapporto presenta inoltre i fattori di emissione atmosferica di anidride carbonica per la generazione e i consumi di energia elettrica, calcolati in relazione ai combustibili fossili utilizzati nel settore termoelettrico.
Continua...

Abbinamento dei macromiceti italiani ai sistemi di classificazione degli habitat
Prima correlazione tra specie fungine, habitat e coperture del suolo sul territorio nazionale
Questo manuale di abbinamento dei funghi agli habitat è frutto di un apposito gruppo di lavoro istituito dal Progetto Speciale Funghi di ISPRA nel 2006, all’interno di un accordo di collaborazione a lungo termine con l’Associazione Micologica Bresadola (AMB). Rappresenta la prima realizzazione a livello nazionale e la prima esercitazione in Europa di mostrare ciò che si può ottenere dalla sintesi dei dati micologici e ambientali disponibili sul territorio di uno stato membro.
Continua...

Risultati dei censimenti degli uccelli acquatici svernanti in Italia. Distribuzione, stime, trend delle popolazioni nel 2001-2010
Vengono sintetizzati i dati raccolti nel 2001-2010 nell’ambito del monitoraggio degli uccelli acquatici svernanti in Italia (progetto IWC di Wetlands International, coordinato da ISPRA per l’Italia). Il monitoraggio ha interessato un totale di 697 zone umide (oltre l’80% di quelle codificate): il 62% di queste è stato monitorato per almeno 8 anni su dieci, e il 36% per l’intero periodo.
Continua...

Rapporto nazionale pesticidi nelle acque. Dati 2011-2012 - Edizione 2014
L’ISPRA realizza il rapporto nazionale sulla presenza di pesticidi nelle acque per fornire su base regolare le informazioni sulla qualità della risorsa idrica in relazione ai rischi di tali sostanze.
Continua...

 

Questionario per la soddisfazione dell'utente

Vi chiediamo gentilmente di collaborare dandoci un Vostro giudizio sul Portale dell'ISPRA. Abbiamo a tal fine predisposto un questionario che Vi chiediamo di voler cortesemente compilare. Le Vostre segnalazioni ed i Vostri suggerimenti saranno utilizzati per migliorare i servizi offerti dal Portale. La compilazione del questionario è in forma anonima e le risposte ottenute saranno trattate solamente a fini statistici. Grazie per la collaborazione.
Continua...

 

Seguiteci anche su:

TwitterFacebookGoogle +Pinterest