logo
 
 

Newsletter ISPRA n. 65 Anno 2012

Dopo un periodo di transizione verso la nuova piattaforma open source Plone, abbiamo pubblicato il nuovo portale ISPRA con una veste grafica rinnovata e una maggiore attenzione ai contenuti tecnico-scientifici. Il processo non è ancora completato. Sono graditi suggerimenti e segnalazioni attraverso la compilazione del questionario on line o l'invio di una e-mail alla redazione del portale.

Vi ringraziamo sin d'ora per la vostra collaborazione.

==================================

Dicembre 2012
 

 

Eventi

Indice di Qualità Morfologica (IQM): stato di applicazione e monitoraggio morfologico

Roma, 18-19 febbraio 2013

Il DM 260/2010 introduce l’IQM quale strumento per la valutazione dello stato morfologico dei corsi d’acqua in conformità con la Direttiva Quadro Acque. La medesima direttiva richiede che qualunque misura messa in atto per lo sviluppo territoriale e/o per la riqualificazione dei corpi idrici contribuisca al raggiungimento del buono stato ecologico dei corpi idrici e che comunque non comporti deterioramento dello stato ambientale dei corpi idrici stessi.

 

Notizie

Il monitoraggio della biodiversità nella Rete Natura 2000. Roma, 14 dicembre

Durante il convegno verranno illustrati i risultati del primo monitoraggio delle aree appartenenti a Rete Natura 2000 e classificate come SIC o ZPS e soprattutto verranno evidenziate le criticità ed emergenze su cui concentrare l’attenzione di conservazione. Sarà promosso un confronto con le attuali linee guida preparate dal Ministero dell’Ambiente con il contributo di ISPRA, favorendo anche uno sguardo più ampio su esperienze di altri soggetti europei che seguono la gestione di reti di aree protette.

Continua...

 

"Il network nazionale della biodiversità: un sistema di condivisione di dati" - Roma, 17 dicembre 2012

Il prossimo 17 dicembre 2012, dalle ore 9.30 alle ore 13.00, presso l'Aula Marconi del CNR, Piazzale Aldo Moro, 7, a Roma si terrà il Workshop "Il Network Nazionale della Biodiversità: un sistema di condivisione dati", organizzato dal Ministero dell'Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare.

 

Pubblicazioni

Misure di risanamento della qualità dell'aria relative al settore residenziale e commerciale

Il bisogno e l’utilizzo di sempre maggiori quantità di energia preoccupano la comunità internazionale sia  per la limitatezza della disponibilità delle risorse energetiche sia per il problema del crescente inquinamento atmosferico che tale consumo necessariamente comporta. In materia di qualità dell’aria, in Italia, il Decreto Legislativo 155/2010, attuazione della Direttiva 2008/50/CE, consolida l’obbligo di predisporre piani per la qualità dell’aria contenenti misure di risanamento qualora si verifichino superamenti dei valori limite degli inquinanti normati.

 

Analisi statistica dell'utenza web del portale ISPRA: I Rapporto

Il Primo Rapporto sull’Analisi statistica dell’utenza web del portale ISPRA analizza qualitativamente e quantitativamente le statistiche di accesso al sito, con le finalità generali di caratterizzare la tipologia di pubblico che accede ai servizi offerti e di valutare la rispondenza del contenuto informativo proposto rispetto alle esigenze reali e potenziali degli utenti.

Continua...

 

Metodologie di misura e specifiche tecniche per la raccolta e l'elaborazione dei dati idrometeorologici

Le risorse idriche in Italia sono oggi sottoposte a crescenti pressioni, non solo dal punto di vista qualitativo, ma anche da quello quantitativo, a causa delle alterazioni del ciclo idrologico prodotte dai cambiamenti climatici. Affinché non ne sia compromessa la disponibilità e sia possibile, anche in futuro, il soddisfacimento sostenibile dei fabbisogni per tutti gli usi, è sempre più necessario un sistematico ed efficace monitoraggio delle grandezze climatiche ed idrologiche.

Continua...

 

Gli indicatori del clima in Italia nel 2011 - Anno VII

Il settimo rapporto "Gli Indicatori del Clima in Italia" illustra l'andamento nel corso del 2011 dei principali indicatori climatici derivati dal Sistema nazionale per la raccolta, l'elaborazione e la diffusione dei dati Climatologici di Interesse Ambientale (SCIA), realizzato dall'ISPRA in collaborazione e con i dati degli organismi titolari delle principali reti osservative presenti sul territorio nazionale.

Continua...

 

Seguiteci anche su: