Convenzione sulla conservazione della vita selvatica e dell'ambiente naturale in Europa - Berna

Azioni sul documento
Convenzione sulla conservazione della vita selvatica e dell'ambiente naturale in Europa - Berna

La Convenzione di Berna è uno strumento giuridico internazionale vincolante in materia di conservazione della natura, che copre gran parte del patrimonio naturale del Continente Europeo e si estende ad alcuni Stati dell’Africa.

I suoi obiettivi sono la conservazione della flora e della fauna selvatiche e dei loro habitat naturali e la promozione della cooperazione europea in tale settore.
La Convenzione pone particolare attenzione alla necessità di tutelare gli habitat naturali e le specie in via di estinzione, minacciate e vulnerabili, tra cui quelle migratorie.
Le Parti che hanno firmato la Convenzione di Berna si impegnano ad adottare tutte le misure idonee a garantire la conservazione degli habitat della flora e fauna. Devono intervenire per promuovere politiche nazionali per la conservazione della flora e della fauna selvatiche e dei loro habitat naturali, prendere in considerazione la conservazione della flora e della fauna selvatiche nel loro territorio, sviluppare misure contro l'inquinamento, promuovere l'educazione e la diffusione di informazioni di carattere generale sulla necessità di conservare le specie di flora e fauna selvatiche e i loro habitat, promuovere e coordinare le ricerche correlate alle finalità della Convenzione. Devono, inoltre, co-operare per migliorare l'efficacia di tali misure, mediante il coordinamento degli sforzi per proteggere le specie migratrici, lo scambio di informazioni e la condivisione di esperienze e competenze.
La Convenzione istituisce un Comitato permanente in cui le Parti sono rappresentate dai loro delegati. Compito principale del Comitato è di monitorare le disposizioni della presente Convenzione. A tal fine, il Comitato è particolarmente competente nel formulare raccomandazioni alle Parti e apportare modifiche delle appendici in cui sono specificate le specie protette.
Aperta alla firma degli Stati membri del Consiglio d'Europa, degli Stati non membri che hanno partecipato alla sua elaborazione e dell'Unione europea, a Berna, il 19 settembre 1979, la Convenzione è entrata in vigore il 1 giugno 1982.
L’Italia ha ratificato la convenzione con la legge n. 503 del 5 agosto 1981. L’Unione Europea ne ha adottato i principi ed il quadro di riferimento attraverso le Direttive Habitat ed Uccelli.

 

Link

Sito Segretariato della Convenzione

Il testo della Convenzione

La legge di ratifica Italiana