I finanziamenti comunitari per la gestione e la ricerca sulle specie aliene in Europa

Azioni sul documento

EU funding for management and research of invasive alien species in Europe. European Environment Agency. Copenhagen 2008.

Negli ultimi 15 anni, nonostante l’assenza di una strategia o uno strumento finanziario specifici, la Commissione Europea ha contribuito a finanziare circa 300 progetti sulla specie aliene, per un totale di oltre 132 milioni di euro. Questi dati risultano dall’analisi dei due principali strumenti finanziari comunitari utilizzati per azioni di gestione e attività di ricerca sulle specie aliene e per i quali sono disponibili banche dati con informazioni sufficientemente dettagliate: il programma LIFE e il programma quadro per la ricerca. In particolare, tra il 1992 e il 2006, la spesa media sostenuta per azioni rivolte alle specie aliene nell’ambito dei progetti LIFE e del programma quadro per la ricerca è stata di circa 10-15 milioni di euro all’anno, con un trend generale in crescita in entrambi i settori, sia in termini di numero di progetti che di investimento. È difficile interpretare con chiarezza questi dati, sebbene sia probabile che riflettano sia una maggiore consapevolezza sul problema da parte di gestori di fauna e flora selvatica e istituzioni scientifiche, sia una maggiore disponibilità a investire risorse per affrontare questo problema da parte della CE e dei cittadini in generale. Una terza chiave di lettura è semplicemente che il problema delle specie aliene sta crescendo. I dati sono stati raccolti e analizzati allo scopo di contribuire allo sviluppo di un indicatore sulle specie aliene invasive in Europa nell’ambito del progetto SEBI 2010 (volto a monitorare i progressi in relazione all’obiettivo di fermare la perdita di biodiversità entro il 2010) e consentono di valutare l’impatto economico di questo problema in termini di costi per la riduzione e/o la prevenzione dei danni. Peraltro le incoraggianti conclusioni di questo rapporto supportano la necessità di sviluppare e applicare una valida strategia per le specie aliene invasive a livello europeo, tale da regolamentare e ottimizzare l’amministrazione delle risorse finanziarie disponibili sulla base di specifiche priorità.