Protezione della natura e Fitness Check

Azioni sul documento

La Commissione Europea sta tentando di snellire e semplificare la normativa UE, allo scopo di alleggerire gli oneri gravanti sulle imprese e di facilitare l’attuazione delle stessa. Già nel 2010 la Commissione Europea aveva adottato un’agenda per una smart regulation, cioè per costruire un corpus normativo comunitario più chiaro, semplice ed efficace, e più adatto a sostenere la crescita e l’occupazione.  Sulla base di questi presupposti nel dicembre 2012 la CE ha istituito la piattaforma Regulatory Fitness and Performance Programme (REFIT) al fine di: verificare, attraverso un processo continuo, l’adeguatezza e l’efficacia della norma comunitarie; adottare misure in grado di rendere le norme più semplici e meno costose per la collettività, contribuendo in tal modo a creare un contesto normativo chiaro, preciso e pertinente per sostenere la crescita e l’occupazione.
Nell’ambito delle prime fasi del programma REFIT, la Commissione Europea ha avviato un percorso di fitness check (o Controllo di Idoneità), che partendo da un’analisi complessiva del quadro normativo di un particolare settore avrebbe portato a valutare se il quadro normativo è fit for purpose, ossia 'adatto allo scopo'.  In sostanza il Controllo di Idoneità fornisce un'analisi critica, fondata su evidenze certe (evidence-based), per valutare l’adeguatezza delle azioni dell’UE rispetto agli obiettivi delle norme e all’effettivo raggiungimento degli stessi.  Il Controllo di Idoneità riguarda tutte le politiche dell'UE e in particolare quelle relative agli aspetti ambientali, economici e sociali.
Nel campo della politica ambientale, la Commissione ha già completato il Controllo di Idoneità sulla legislazione riguardante le acque dolci e i relativi rifiuti e di recente lo ha avviato per le direttive Uccelli e Habitat, i capisaldi della conservazione della natura nell’UE.  Il 20 novembre u.s. la Commissione Europea he European ha organizzato una conferenza di alto livello per presentare e discutere i risultati iniziali della valutazione delle due direttive sulla protezione della Natura.
Negli stessi giorni, l'ENCA network, la rete UE delle agenzie per la protezione dell'ambiente, ha pubblicato un position paper rispetto al controllo di idoneità sulle due direttive Uccelli e Habitat.

 

Link

Approfondimento

Link al documento