Analisi di rischio

Azioni sul documento

 

Open call per revisione Analisi di Rischio siti contaminati

ISPRA ed SNPA stanno rivedendo i documenti tecnici “Criteri Metodologici per l’applicazione dell’analisi assoluta di rischio ai siti contaminati” (Revisione 2 del 2008) e “Criteri Metodologici per l’applicazione dell’analisi assoluta di rischio alle discariche” (Revisione 0 del 2005).
Nell’ambito di tale revisione ISPRA ed SNPA intendono raccogliere quanto prodotto dalla ricerca scientifica nazionale per coinvolgere eventualmente nelle attività le Università, gli Istituti di Ricerca ed i soggetti privati che hanno effettuato ricerca, sperimentazione ed innovazione su tali tematiche, dopo averne valutato i risultati scientifici prodotti.
Per maggiori dettagli si rimanda al documento:
Open call per collaborazione non onerosa ai fini della predisposizione dell’aggiornamento dei Criteri metodologici per l’analisi di rischio.
Coloro che intendono rispondere a questa call, devono inviare la loro proposta all’indirizzo open-call-adr@isprambiente.it con oggetto “Open Call 2019 Analisi di Rischio”, entro il prossimo 02/08/2019. Il proponente dovrà inviare una breve illustrazione dei contenuti della proposta, il valore aggiunto rispetto agli approcci esistenti e dovrà fornire dati e/o pubblicazioni a corredo.
Tutte le proposte saranno valutate da ISPRA ed SNPA. Le proposte che saranno ritenute significative ai fini della revisione dei documenti tecnici sull’analisi di rischio saranno selezionate e i proponenti riceveranno un invito a presentarle in un primo momento di confronto che si svolgerà nel mese di settembre 2019.

 

Analisi di rischio sanitario-ambientale

L'analisi di rischio sanitario-ambientale è attualmente lo strumento più avanzato di supporto alle decisioni nella gestione dei siti contaminati che consente di valutare, in via quantitativa, i rischi per la salute umana connessi alla presenza di inquinanti nelle matrici ambientali.

Immagine di un Modello Concettuale per l'applicazione dell'analisi di rischioIl punto di partenza per l’applicazione dell’analisi di rischio è lo sviluppo del Modello Concettuale del Sito (MCS), basato sull’individuazione e parametrizzazione dei 3 elementi principali:

1) la sorgente di contaminazione;
2) i percorsi di migrazione degli inquinanti attraverso le matrici ambientali;
3) i bersagli o recettori della contaminazione nel sito o nel suo intorno.
Si può determinare un rischio per la salute umana unicamente nel caso in cui in un dato sito i 3 elementi siano presenti e collegati tra loro.
Il calcolo del rischio così come codificato dalla National Academy of Science (NAS, 1983) segue quattro fasi (vedi figura).
Il rischio stimato viene confrontato con i criteri di accettabilità definiti dalla normativa. L’analisi di rischio può essere applicata come sopra descritto in modo diretto (forward) stimando il rischio associato allo stato di contaminazione rilevato nel sito; oppure in modo inverso (backward), a partire dai criteri di accettabilità del rischio, per la determinazione dei livelli di contaminazione accettabili e degli obiettivi di bonifica per il sito in esame.

 

Criteri metodologici per l'applicazione dell'analisi assoluta di rischio

I documenti “Criteri metodologici per l'applicazione dell'analisi assoluta di rischio ai siti contaminati” e “Criteri metodologici per l’applicazione dell’analisi assoluta di rischio alle discariche” sono stati elaborati dal gruppo di lavoro ARPA/APPA, ISS, ISPESL, ICRAM istituito e coordinato dall’ISPRA. L'obiettivo è l’elaborazione e la revisione di documenti tecnici contenenti le indicazioni teoriche ed applicative per tecnici delle Pubbliche Amministrazioni, ricercatori, professionisti ed operatori del settore che redigono e/o valutano progetti di bonifica dei siti contaminati contenenti elaborazioni di analisi di rischio sanitario-ambientale. L’approccio utilizzato nei manuali fa riferimento allo standard RBCA dell’ASTM (E 1739-95, E 2081-00).
Le appendici ai criteri metodologici descrivono nel dettaglio i criteri adottati e le analisi effettuate per l’individuazione e la selezione delle equazioni.

Per qualunque quesito inerente l'applicazione dei criteri metodologici è attivo il seguente indirizzo:criterimetodologici@isprambiente.it.

 

NOTA: Il manuale "Criteri metodologici per l'applicazione dell'analisi assoluta di rischio alle discariche" (revisione 0, giugno 2005) è stato ritirato. Il documento è in corso di aggiornamento da parte di SNPA.


Banca dati ISS-INAIL per Analisi di Rischio Sanitario Ambientale

Nel seguito si indica il link che rimanda alla pagina del sito del MATTM con l'ultimo aggiornamento della banca dati (marzo 2018).

Di seguito i files della Banca Dati in formato editabile:

    Documenti correlati
    Aggiornamento: marzo 2019