In corso l’esercitazione internazionale di emergenza nucleare Convex-3

Azioni sul documento
In corso l’esercitazione internazionale di emergenza nucleare Convex-3

E’ in corso di svolgimento e proseguirà nella giornata di domani, 22 giugno, un’ esercitazione internazionale di emergenza nucleare denominata Convex-3, organizzata dall’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (IAEA). Le Convex-3 sono esercitazioni su larga scala che hanno lo scopo di valutare la risposta degli Stati facenti parte delle Convenzioni internazionali di Pronta notifica e di Assistenza in caso di incidenti nucleari e radiologici, nel cui ambito il Centro nazionale per la sicurezza nucleare e la radioprotezione dell’ISPRA è Punto di Contatto nazionale ed Autorità competente per eventi che dovessero verificarsi nel territorio nazionale.

All’esercitazione partecipano, a livello nazionale, il Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri, che opera presso la sua sede con il coinvolgimento di altri soggetti istituzionali, e il Centro nazionale per la sicurezza nucleare e la radioprotezione dell’Istituto. A  livello internazionale l’esercitazione vede coinvolti, oltre alla IAEA, i paesi che hanno ratificato la suddetta convenzione e altre organizzazioni internazionali, in particolare la Commissione Europea che considera tale esercitazione valida anche ai fini esercitativi per l’attuazione della Decisione del Consiglio 87/600/Euratom concernente le modalità comunitarie per lo scambio rapido di informazioni in caso di emergenze radiologiche.

Le informazioni riguardano, in particolare, la natura dell’evento, lo stato dell’impianto, le valutazioni sulle conseguenze dell’evento, i rilievi radiometrici nonché le misure protettive attuate per la protezione della popolazione.Le attività dell’esercitazione si sono svolte presso il Centro Emergenze Nucleari dell’Istituto ove sono raccolte le informazioni provenienti dai canali internazionali di Pronta Notifica e vengono gestiti gli strumenti di valutazione dell’evento.Lo scenario scelto per l’esercitazione, che ha la durata di 36 ore, prevede un incidente nucleare presso la centrale nucleare di Paks in Ungheria.