Presentazioni - Verso un piano nazionale di monitoraggio della biodiversità

Azioni sul documento

I giornata (19 ottobre)


RelatorePresentazione
P. Genovesi (ISPRA)Impostazione del lavoro e sintesi dei risultati
F. Stoch (Unione Zoologica Italiana)Monitoraggio delle specie animali di interesse comunitario
S. Ercole (ISPRA)- V. Giacanelli (ISPRA)Il monitoraggio delle specie vegetali di interesse comunitario
P. Angelini (ISPRA) - L. Casella (ISPRA)Monitoraggio degli habitat di interesse comunitario
M. Bologna (Comitato Scientifico per la Fauna d’Italia) - M. Zapparoli (Comitato Scientifico per la Fauna d’Italia)Monitoraggio degli invertebrati
F. Nonnis Marzano (Associazione Italiana Ittiologi Acque Dolci)Monitoraggio dei ciclostomi e degli osteitti
R. Sindaco (Societas Herpetologica Italica)Monitoraggio degli anfibi e dei rettili
A. Loy (Associazione Teriologica Italiana)Monitoraggio dei Mammiferi
G. Fenu (Università La Sapienza di Roma)Il monitoraggio delle specie vegetali della direttiva habitat: dalle esperienze locali verso un progetto nazionale
D. Gargano, N.G. Passalacqua, M. Muzzupappa, F. Bruno, R. Peluso, L. Bernardo (Università della Calabria)Un laboratorio di campo permanente per il monitoraggio di fitocenosi erbacee nel Parco Nazionale del Pollino: dati pregressi e nuove prospettive metodologiche
M. Aleffi (Università degli Studi di Camerino)Il monitoraggio delle Briofite
D. Gigante (Società Italiana di Scienza della Vegetazione)Aspetti metodologici e criticità nella realizzazione di un manuale per il monitoraggio sul campo degli habitat di All. I
F. Attorre (Università La Sapienza di Roma)Il monitoraggio degli habitat nel contesto europeo

R. Bolpagni (Università degli Studi di Parma)

Sfide per un monitoraggio efficiente degli habitat negli ambienti acquatici: integrazione tra direttiva habitat e Direttiva acque
E. Alleva (FISNA)Pdf

 

II giornata (20 ottobre)


RelatorePresentazione
E. Duprè (MATTM)Il monitoraggio della biodiversità nelle politiche nazionali e negli impegni comunitari
S. Ercole (ISPRA) - P. Angelini (ISPRA) - V. La Morgia (ISPRA)Verso il 4° Report: novità e sviluppi in ambito europeo
R. Sindaco (Societas Herpetologica Italica)Modello coordinato di monitoraggio a scala nazionale
S. Orsenigo (Università degli Studi di Milano)Dal monitoraggio delle specie della Direttiva Habitat alla conservazione in situ: il caso di Kosteletzkya pentacarpos (L.) Ledeb
A. Chiarucci (Alma Mater Studiorum Università di Bologna)Approcci metodologici e pratici per un monitoraggio di vasta scala degli habitat di interesse conservazionistico
L. Tunesi (ISPRA)L'importanza del monitoraggio delle specie e degli habitat marini
L. Serra (ISPRA)Il monitoraggio dell’avifauna per la Direttiva Uccelli: stato dell’arte e prospettive di coordinamento con la Direttiva Habitat
A. Canu (Presidente WWF OAsi)Tavola rotonda “Verso un Sistema nazionale di monitoraggio”
S. Sarrocco (Regione Lazio)Pdf
V. Raineri (ARPAL) - D. Caracciolo (ARPAL)L’ Osservatorio Regionale della Biodiversità - Li.Bi.Oss