Terza conferenza scientifica del progetto MARINA

Azioni sul documento

Il 12-13 marzo 2019 si terrà in Francia, presso il centro di cultura scientifica sul mare Nausicaa, situato in Francia a Boulogne sur Mer, l’ultima conferenza scientifica annuale del progetto europeo MARINA, di cui l’ISPRA è partner e coordinatore delle attività di istituzionalizzazione del concetto di ricerca e innovazione responsabile. In base a questo approccio, caldeggiato da anni dalla Commissione europea, alle attività di ricerca e innovazione condotte per affrontare importanti sfide sociali, partecipano attivamente tutti i possibili attori interessati che devono essere coinvolti in tutto il processo, dall’elaborazione dell’idea progettuale fino alla sua attuazione per il bene collettivo.

Il progetto H2020 MARINA finanziato dal programma europeo “Scienza con e per la società” per tre anni ha promosso l’attuazione del concetto di ricerca e innovazione responsabile(RRI) organizzando più di 40 seminari di apprendimento reciproco e mutua mobilizzazione su temi della crescita blu nei 14 paesi rappresentati nel consorzio, alcune mostre itineranti rivolte alle scuole su argomenti di tutela e gestione delle risorse marine, due conferenze scientifiche internazionali focalizzate sull’implementazione dell’approccio RRI nell’ambito della politica europea per  mari e oceani.

Inoltre il progetto ha attivato e messo a disposizione di ricercatori, semplici cittadini, decisori politici, rappresentanti del mondo imprenditoriale e di organizzazioni economico-sociali una piattaforma elettronica di dialogo e condivisione della conoscenza, per facilitare lo scambio di esperienze e trovare soluzioni condivise alle principali sfide sociali, presenti e future che riguardano l’economia blu che utilizza le opportunità di crescita fornite dal mare.

La terza conferenza scientifica del progetto MARINA affronterà casi-studio, esperienze e risultati nell’applicazione del concetto di ricerca e innovazione responsabili in diversi ambiti del settore marino come turismo e città costiere, inquinamento marino, pesca e acquacoltura, energie rinnovabili, biotecnologie marine, cambiamenti climatici e loro impatto sul mare, trasporto marino, estrazioni nel mare profondo, e una maggiore conoscenza applicata ai temi marini. Il bando per inviare contributi alla discussione è aperto fino all’8 febbraio.

Maggiori dettagli sono disponibili nel sito del progetto MARINA.

archiviato sotto: