PAWA

Azioni sul documento

Pilot Arno Water Accounts

Nell’ambito del bando di finanziamento voluto dalla Direzione Generale Ambiente della Commissione Europea (DG ENV) per promuovere azioni di prevenzione da condurre sui bacini europei contro la desertificazione mediante una gestione sostenibile delle risorse idriche, è partito all’inizio di gennaio 2014 il progetto europeo PAWA — Pilot Arno Water Accounts (Grant Agreement No. 07.0329/2013/671279/SUB/ENV.C.1).

Il progetto PAWA che si è concluso a marzo 2015 ha avuto l’obiettivo di testare sul bacino del fiume Arno (bacino pilota) l’utilizzo del sistema di contabilità idrica SEEA-Water – System of Environmental-Economic Accounting for Water, che sarà adottato da DG ENV per il calcolo dei bilanci idrici a scala di bacino e continentale. Il progetto PAWA ha anche utilizzato il bilancio idrico per valutare possibili impatti derivanti dalla combinazione di differenti misure di gestione della risorsa idrica. Ciò allo scopo di individuare obiettivi di efficienza da poter poi adottare nel piano di gestione del bacino.

Il partenariato del progetto PAWA è composto dall’ISPRA (coordinatore), dall’Autorità di Bacino del Fiume Arno (AdB Arno) e dall’organismo internazionale SEMIDE/EMWIS nato su iniziativa del partenariato Euro-Mediterraneo (EUROMED). Il bacino del fiume Arno, insieme a quello del fiume Po, è stato già bacino pilota nell’esercizio sul Water Explotation Index plus (WEI+) promosso dal Water Scarcity and Drought Expert Group nell’ambito delle attività 2010–2012 della Strategia Comune di Implementazione (CIS) della Direttiva Quadro sulle Acque 2000/60/CE (WFD).

Per il raggiungimento degli obiettivi di progetto sono state previste le seguenti sei attività:

  1. Setting the scene at Arno RBD level
  2. Data collection
  3. Building water accounts (SEEA-Water)
  4. Optimisation of measures
  5. Assessment and reporting
  6. Dissemination

per ciascuna delle quali sono stati prodotti dei (deliverable), resi disponibili sul sito del progetto PAWA e su un apposito repository FTP (ftp.isprambiente.itpawapub / PUB38h76) messo a disposizione da ISPRA. A seguito del completamento delle cinque attività progettuali e dell’attività di disseminazione svolta durante il 2014 sono disponibili online i seguenti prodotti:

  • D1.1 Catalogue of data sources and tools
  • D1.2 Prioritisation list of sub-basins
  • D2.1 Repository of data sets
  • D2.2 Assessment of data availability
  • D3.1 1st draft water flow diagrams and associated SEEA-Water tables
  • D3.2 Geo-referenced database for water accounts
  • D4.1 Water efficient targets for future revisions Arno RBMP
  • D5.1 Water account tables
  • D6.1 PAWA project leaflet (prima e seconda versione)
  • D6.2 Compendium of lessons learnt
  • D6.3 Detailed list of dissemination activities, including project presentations during events (versione intermedia contenente le attività di disseminazione condotte fino a dicembre 2014)
  • 4 Technical Progress Report e 1 Technical Final Report.

A livello di bacino, i risultati del progetto saranno utili all’AdB Arno e ai portatori di interesse (stakeholder) locali per migliore il processo decisionale relativo alla gestione della risorsa idrica. A livello nazionale, al fine di far fronte in maniera coordinata a eventi di siccità e scarsità idrica, ISPRA supporterà l’applicazione ad altri bacini nazionali della metodologia implementata in PAWA, attraverso l’organizzazione di seminari ad hoc e la realizzazione di linee guida. L’EMWIS utilizzerà i risultati del progetto a livello EUROMED e, in particolare,nell’ambito dell’estensione dello Shared Environmental Information System ai paesi del Mediterraneo a sud dell’Europa. A livello europeo, i risultati potranno essere utilizzati da DG ENV e dall’Agenzia Europea per l’Ambiente (EEA) per migliorare la conoscenza a livello europeo del bilancio idrico e per fornire esempi di misure per la gestione quantitativa della risorsa idrica che potranno essere inseriti nei piani di gestione dei bacini (RBMP), ai sensi della WFD, rispondendo a quanto indicato nella Blueprint to safeguard Europe’s waters.

La prima riunione del progetto PAWA destinata a programmare le azioni previste nel primo periodo di attività si è tenuta il 28 gennaio 2014 presso l’AdB Arno.

Successivamente, si è tenuto il 20-21 marzo presso la sede dell’AdB Arno il 1st Stakeholder Workshop & Training Session, che ha visto impegnato il partenariato di PAWA nella presentazione del sistema SEEA-Water agli esperti e rappresentanti istituzionali degli Enti che gestiscono nel bacino dell’Arno la risorsa idrica. Durante la riunione è stata anche condotta una sessione di training che ha visto impegnati i partecipanti al workshop in un applicazione del sistema su un esempio costruito ad hoc. Il 2nd Stakeholder Workshop, tenuto il 2 luglio presso l'AdB Arno, è stato incentrato su una esercitazione per illustrare e verificare con gli stakeholder locali i "water flow diagram" da utilizzare nel calcolo del bilancio idrico con il SEEA-Water nelle aree del Bisanzio, Chiana e Pisa (cf. D1.2 e D3.1) e il sistema di gestione dati proposto (cf. D1.1, D2.1, D2.2 e D3.2), sulla base dei dati raccolti dai gestori locali (Publiacqua, Nuove Acque, Acque SpA) e dalle provincie presenti nelle aree di studio del bacino (per gli usi agricoli e industriali).

 

Aree target

 

Il 3rd Stakeholder Workshop organizzato da ISPRA il primo dicembre 2014 ha avuto invece come scopo la presentazione alle diverse Autorità nazionali, regionali e interregionali dei primi risultati ottenuti e delle attività collegate che si stanno portando avanti a livello nazionale ed europeo.

La presentazione finale delle attività di PAWA si è avuta a Firenze il 30 marzo nel corso del PAWA Final Workshop.

A livello internazionale, le attività di progetto PAWA sono state inoltre presentate al:

  • Kick-off meeting of the 2013 Halting Desertification in Europe Pilot projects, organizzato da DG ENV a Bruxelles il 5 marzo per coordinare i progetti pilota finanziati dalla call e permettere ai vari partenariati di conoscere e condividere le azioni pianificate nei singoli progetti;
  • 1st Meeting of the CIS Working Group on Water Accounts tenutosi il 4 aprile a Bruxelles nell’ambito delle attività di implementazione della WFD previste dalla programmazione 2013-2015 per promuovere lo sviluppo e l’uso del bilancio idrico a scala di bacino per un supporto alla gestione quantitativa della risorsa idrica e per il raggiungimento degli obiettivi della WFD;
  • 3rd Meeting of the OECD Water Governance Initiative svoltosi a Madrid il 28-29 aprile, e 4th Meeting of the OECD Water Governance Initiative, svoltosi invece a Parigi il 24-25 novembre, per condividere tra i delegati internazionali della Water GovernanceInitiative dell’OECD – Organisation for Economic Co-operation and Development progetti, lezioni e buone pratiche a supporto di una migliore governance del settore idrico.
  • First National Meeting of System of Environmental-Economic Accounts for Water organizzato a Madrid l’11 giugno dal partenariato del progetto GuaSEEAW+, progetto finanziato dalla stessa call di DG ENV, e dal Ministero spagnolo dell’Agricoltura, dell’Alimentazione e dell’Ambiente Madrid, per un coordinamento tra i progetti pilota spagnoli e una condivisione tra tutti i progetti finanziati dalla call delle attività attualmente in corso di realizzazione.
  • 15th EMWIS Steering Committee meeting, tenutosi a Valencia il 09 settembre 2014.
  • International Meeting “Improving water accounting at the basin scale” organizzato a Cartagena il 23-24 febbraio 2015 per comprendere i benefici e le difficoltà nell’applicare a scala di bacino sistemi di contabilità idrica, come il SEEA-Water. Il meeting ha visto la partecipazione di cinque dei progetti finanziati da DG ENV, tra cui lo stesso progetto PAWA, che hanno presentato i risultati ottenuti in tale ambito sui fiumi Segura, Guadalquivir, Guadiana, Duero, e Arno.
La presentazione dei risultati di PAWA a DG ENV della Commissione Europea e agli Stati Membri è avvenuta nel corso del 6th Meeting of the EU WFD CIS Working Group on Programme of Measures, che si è tenuto a Bruxelles il 15 ottobre 2015. In particolare, la presentazione ha centrato i seguenti aspetti:
  • il contributo dei risultati di progetto per la redazione dei piani di gestione del bacino dell’Arno e per il programma di misure;
  • le modalità di valutazione degli effetti dei cambiamenti climatici nel calcolo del bilancio idrico.
In quella occasione, sono stati presentati anche i risultati di altri tre progetti pilota, ossia ASSET, DURERO e WAMCD, mentre i risultati degli altri tre progetti finanziati, ossia GuaSEEAW+, PROTAGUs e SYWAG (che erano terminati prima), sono stati presentati nel corso del 3rd Meeting of the EU WFD CIS Working Group on Water Accounts (19 marzo 2015). Questi progetti con i loro risultati hanno, inoltre, contribuito alla realizzazione della "Guidance document on the application of water balances for supporting the implementation of the WFD"  prodotta dall'EU WFD CIS Working Group on Water Accounts.
La Commissione Europea ha messo a disposizione i report finali dei sette progetti pilota nella pagina web dedicata alle attività su “Water balances and water resources management targets”.

 

Ulteriori informazioni