Plastic Busters MPAs

Azioni sul documento

Il progetto, iniziato il 1 febbraio 2018, della durata di 4 anni è  finanziato dalla Comunità Europea Cooperazione INTERREG MED ed è coordinato dall’ISPRA. Per la prima volta su scala mediterranea, paesi UE e stati candidati all’adesione uniscono le forze per affrontare la problematica dei rifiuti marini con un approccio coordinato. Si partirà da alcune aree protette pilota, come ad esempio il Santuario dei Cetacei, per fare una sorta di censimento di tutte le macro e microplastiche che inquinano il sito, per poi studiare le conseguenze generate sull’ambiente marino e sulla salute della sua fauna. Obiettivo di “Plastic Busters MPAs” è anche di definire, attraverso specifici protocolli di intesa, un “Piano di Governance” congiunta delle Aree marine protette coinvolte così da estenderlo a tutte le aree marine protette del Mediterraneo. Il progetto vuole, infine, fornire ai decisori politici raccomandazioni e strategie concrete per la gestione dei rifiuti plastici marini. La conferenza prevede la partecipazione oltre ai 14 Partner di Progetto e ai 18 Partner Associati vari rappresentanti di diversi progetti Interreg MED, ricercatori italiani e stranieri e rappresentanti delle Istituzioni.

Il progetto è articolato nelle seguenti attività:

  1. Project management (WP1);
  2. Project communication (WP 2);
  3. Studying activities (WP 3);
  4. Testingactivities (WP 4);
  5. Transferring (WP 5);
  6. Capitalising (WP 6).

Dall’inizio del progetto ad oggi sono state condotte e realizzate le seguenti attività:

Realizzazione del primo Kick off meeting di presentazione del progetto (Siena), svolgimento di due Steering Committee (Siena e Bonifacio) con il coinvolgimento di tutti i partner di progetto e organizzazione del 1° Workshop Tecnico (Bonifacio) ove sono stati coinvolti, oltre ai partner di progetto, i responsabili dei vari progetti Mediterranei sul marine Litter, tra cui anche UNEP MAP, per mettere a punto in modo coordinato una strategia di monitoraggio e mitigazione del Marine Litter nelle AMP del Mediterraneo.

E’ stato prodotto il documento relativo allo stato dell’arte del Marine Litter in Mediterraneo e sono in fase di realizzazione i seguenti report: “Diagnostic report on knowledge gaps and needs for marine litter and marine litter monitoring in Mediterranean MPAs” e “Joint Strategy for Monitoring Marine Litter and its impact on Biodiversity in Mediterranean MPAs: the Plastic Busters approach”.

L’ISPRA ha organizzato in Sicilia (Milazzo-ME) dal 7 al 9 maggio 2019 il terzo Steering Committe di progetto e il secondo Workshop Tecnico del progetto Plastic Buster MPAs. A conclusione dei lavori, è stato condotto il test di “simulazione” del protocollo di monitoraggio per il macro e micro litter discusso nel corso del workshop intorno all’AMP di Capo Milazzo, recentemente istituita. I protocolli di monitoraggio  verranno applicati durante le successive fasi di test (WP4) nelle AMP individuate in Mediterraneo: Santuario Pelagos, Arcipelago Toscano, Parco Nazionale dell'Arcipelago di Cabrera (Spagna) e Parco Marino Nazionale di Zakynthos (Grecia). Le attività in mare sono state effettuate con le navi da ricerca ASTREA e Lighea dell’ISPRA.

Dall’8 al 23 luglio 2019 è stato condotto, nell’ambito della WP4 Testing, il primo survey nell’area dell’Arcipelago Toscano e nel Santuario Pelagos (costa orientale della Corsica), coordinato dall’ISPRA. All'attività hanno partecipato ricercatori di ISPRA, Università di Siena, Ifremer e OEC (Francia), Ente Parco Arcipelago Toscano, Consorzio Lamma e Segretariato Pelagos.

Durante la campagna sono state effettuate 71 retinate con manta trawl, 131 osservazioni di macrolitter galleggiante e 11 biopsie su cetacei. I ricercatori del Consorzio Lamma, hanno testato inoltre i modelli previsionali della distribuzione delle microplastiche elaborati. Inoltre, per valutare la presenza e l’effetto di microplastiche nell’ambiente marino, sono state prelevate specie target di mitili e pesci.

 

Sito web del Progetto
Poster
Galleria fotografica
Pagina Facebook
Pagina Twitter