Uomini e ragioni: i 150 anni della geologia unitaria

Azioni sul documento

Sessione F4 GeoItalia 2011 - VIII Forum italiano di Scienze della Terra

Torino, 23 settembre 2011

Uomini e ragioni: i 150 anni della geologia unitaria

Il Forum GeoItalia 2011 si è tenuto a Torino, prima capitale dello Stato italiano, a 150 anni dalla sua istituzione.  Anche la geologia ha celebrato i 150 anni dell’Italia unita, riflettendo sulla propria identità di scienza profondamente legata alla conoscenza del territorio, delle sue risorse e della sua evoluzione. La Sessione  “Uomini e ragioni: i 150 anni della geologia unitaria”, organizzata nell’ambito dell’VIII Forum italiano di Scienze della Terra, è stata pertanto dedicata all’impegno ed alle intuizioni dei geologi italiani - attivi già da molto prima che il Paese, nel 1861, raggiungesse l’unità politica ed amministrativa – con particolare attenzione:  alla loro opera per la conoscenza del territorio italiano da prima della sua unificazione fino ai nostri giorni; all’evoluzione delle discipline che in questo lasso di tempo hanno consentito di  conoscere e descrivere la struttura del Paese e di modificare l’approccio alle dinamiche del territorio (monitorando le modificazioni, spesso incisive, che hanno seguito nel tempo le nuove possibilità di applicazioni tecniche); ai dibattiti che hanno accompagnato e convivono con l’evoluzione degli strumenti di diagnosi e  con l’interpretazione e la previsione dei fenomeni, nonché con l’elaborazione di prodotti sempre più diversificati (come la cartografia di base e tematica) e rispondenti ad esigenze puntuali di restituzione dei dati e delle informazioni. La Sessione è stata anche un momento di riflessione non solo sul ruolo che la comunità geologica italiana ha avuto nel favorire l’unità d’Italia, ma anche sulle ragioni per cui non è stata tenuta in seguito nella giusta considerazione, spesso con grave danno per il Paese. Sono evidenti del resto le conseguenze della mancata programmazione unitaria dell’uso del territorio ad onta delle conoscenze acquisite, testimonianza tangibile e dolorosa del difficile dialogo tra scienza e conoscenza ed amministrazione del territorio. La raccolta di contributi ”Uomini  e ragioni: i 150 anni della geologia unitaria”, pubblicata negli Atti ISPRA 2012, segue il criterio cronologico degli argomenti trattati, accogliendo anche alcuni preziosi contributi, fuori Sessione, che si è ritenuto non dover far mancare a questo panorama dei 150 anni della geologia unitaria. La cartografia geologica, sintesi delle conoscenze sul territorio, è senza’altro il filo conduttore dai suoi esordi nel ‘600 e ‘700 fino ai nostri giorni. Gli autori ci guidano nella storia della geologia e dei protagonisti che l’hanno vissuta: a documentazione del percorso restano non solo i documenti cartografici, ma anche l’esordio e l’affermazione di nuove discipline afferenti alle scienze della Terra, nonché la nuova percezione e considerazione per gli “oggetti” del collezionismo geologico e dell’arte legata alla geologia come “beni culturali” del Paese.

Pubblicazione disponibile solo in formato elettronico

Scarica la pubblicazione (pdf 4,33 mb)

ISPRA
Atti
/2012
978-88-448-0514-2
archiviato sotto: