IDRAIM - Sistema di valutazione idromorfologica, analisi e monitoraggio dei corsi d’acqua - Versione aggiornata 2016

Azioni sul documento
IDRAIM - Sistema di valutazione idromorfologica, analisi e monitoraggio dei corsi d’acqua - Versione aggiornata 2016

Il presente lavoro è un aggiornamento al 2016 del precedente manuale pubblicato nel 2014 (MLG 113/2014).
Il Manuale comprende la definizione delle procedure e dei metodi del “Sistema di valutazione idromorfologica, analisi e monitoraggio dei corsi d’acqua”, denominato IDRAIM.
Esso costituisce un quadro metodologico complessivo di analisi, valutazione post‑monitoraggio e di definizione delle misure di mitigazione degli impatti ai fini della pianificazione integrata prevista dalle Direttive 2000/60/CE e 2007/60/CE. Tenendo conto in maniera integrata di obiettivi di qualità ambientale e di mitigazione dei rischi legati ai processi di dinamica fluviale, IDRAIM si pone quindi come sistema a supporto della gestione dei corsi d’acqua e dei processi geomorfologici.
Il quadro metodologico comprende le seguenti quattro fasi:

  1. caratterizzazione del sistema fluviale alla scala di bacino;
  2. ricostruzione della traiettoria evolutiva e valutazione delle condizioni attuali del corso d’acqua;
  3. descrizione delle tendenze evolutive future dell’alveo;
  4. identificazione dei possibili scenari di gestione.

IDRAIM tiene specifica considerazione del contesto temporale, in termini di ricostruzione della traiettoria dell’evoluzione passata dell’alveo quale base per interpretare le condizioni attuali del corso d’acqua e le sue tendenze future. Per valutare le condizioni del corso d’acqua, in termini di qualità morfologica e di dinamica d’alveo, è stata sviluppata una serie di strumenti specifici, che includono: l’Indice di Qualità Morfologica (IQM), l’Indice di Dinamica Morfologica (IDM); la Classificazione da Dinamica d’Evento (CDE) e le fasce fluviali di dinamica morfologica (FDM, FDE). Il monitoraggio dei parametri e degli indicatori morfologici, così come la valutazione degli scenari futuri dell’evoluzione d’alveo, fornisce una ulteriore conoscenza per l’identificazione, la pianificazione e la priorizzazione delle azioni per migliorare la qualità morfologica e/o la mitigazione del rischio da alluvione.

    Il progetto IDRAIM nasce nel 2008, in risposta alla necessità da parte di ISPRA di disporre di strumenti geomorfologici come base per la gestione dei corsi d’acqua. La prima fase del progetto (2008 – 2010) si è focalizzata sullo sviluppo di uno strumento di valutazione e monitoraggio della qualità morfologica finalizzato all’implementazione della Direttiva Quadro Acque. Questa prima fase ha portato allo sviluppo dell’Indice di Qualità Morfologica (IQM), il quale rappresenta uno degli strumenti operativi della metodologia IDRAIM. Tale indice è stato adottato in Italia attraverso il Decreto del Ministro dell’Ambiente n. 260/2010, che stabilisce quali siano i metodi per la classificazione dello stato biologico, chimico e idromorfologico dei corpi idrici. A valle di questa prima fase è stato redatto nel 2011 il volume “Manuale tecnico-operativo per la valutazione e il monitoraggio dello stato morfologico dei corsi d’acqua” che tuttavia descrive la sola la procedura di valutazione morfologica prevista dalla Direttiva 2000/60/CE.
    La seconda fase del progetto (2010 – 2014) ha riguardato l’implementazione di altri strumenti di supporto alla Direttiva Quadro Acque, quali l’Indice di Qualità Morfologica per il monitoraggio (IQMm) e la procedura per l’identificazione dei corpi idrici fortemente modificati, nonché lo sviluppo della metodologia complessiva IDRAIM e di strumenti finalizzati alla valutazione della pericolosità connessa alla dinamica morfologica dei corsi d’acqua. Da questa seconda fase è derivato il seguito del Manuale pubblicato nel 2011, ossia il Manuale MLG 113/2014.

    Per l’analisi e la valutazione delle variazioni del regime idrologico si rimanda invece a quanto riportato in ISPRA (2011)

    Pubblicazione disponibile solo in formato elettronico

    Scarica la pubblicazione (pdf - 14.47 mb)

    Appendice 4 - Guida illustrata alle risposte (pdf - 6.99 mb)

    Schede IQM 2016 (zip - 344 kb)

    Schede IQMm 2016 (zip - 937 kb)

    Scheda IDM 2016 (xlsm - 111 kb)

    ISPRA
    Manuali e linee guida
    131/2016
    978-88-448-0756-6
    archiviato sotto: