Reticula n. 4/2013 Numero monografico

Azioni sul documento

Climate change, naturalità diffusa e pianificazione territoriale

Reticula n. 4/2013 Numero monografico

La monografia, frutto di un’attiva collaborazione transdisciplinare, nasce dalla riflessione che la pianificazione territoriale, sia di area vasta che settoriale, ha e deve avere sempre più in considerazione che gli effetti della naturalità diffusa sulla mitigazione e sull’adattamento al cambiamento climatico possono essere massimizzati e resi incisivi, in termini tangibili e misurabili, se coerentemente integrati nei vari strumenti di gestione del territorio. I diversi contributi presenti nel numero  evidenziano, tra le altre cose, la necessità di considerare percorsi di progettazione e attuazione che tengano conto in maniera ineluttabile di una visione d’insieme e ben organizzata, se si vuole effettivamente perseguire l’obiettivo di un aumento della resilienza degli ecosistemi, in termini di positive ricadute a lungo termine.

Scarica la Pubblicazione (pdf 16 mb)

Pubblicazione disponibile solo in formato elettronico

ISPRA
Periodici tecnici
(Periodici tecnici) Reticula
4/2013
2283-9232

Sommario

Cambiamenti...non solo climatici

Prefazione di S. D’ambrogi, M. Gori, M. Guccione, L. Nazzini - Settore Pianificazione Territoriale - ISPRA

La resilienza possibile

Editoriale di P. Pelizzaro - Responsabile Cooperazione Internazionale Kyoto Club

I.  La strategia europea di adattamento ai cambiamenti climatici

S. Castellari - Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

II. Managing the Natura 2000 network in the face of climate change

M. O’Briain - Deputy Head of Nature Unit, DG Environment, European Commission

III. Verso una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici. Implicazioni per il Paese

L. Pierantonelli - MATTM Direzione per lo Sviluppo sostenibile, il Clima e l'Energia, D. Pasella - CNR Istituto sull’Inquinamento Atmosferico

IV. Pianificare per contrastare il cambiamento climatico

V. Bussadori - Provincia autonoma di Bolzano - Alto Adige

V. Coniugare la sicurezza territoriale e la riqualificazione funzionale della rete ecologica a fronte dei cambiamenti climatici

A. Attolico, D. D’Onofrio, V. Moretti, R. Smaldone, A. Santandrea - Ufficio Pianificazione Territoriale, Provincia di Potenza

VI. Cambiamenti climatici e biodiversità: impatti e adattamento

L. Ciccarese - Servizio Uso Sostenibile delle Risorse Naturali - ISPRA

VII. Gli agroecosistemi come infrastrutture verdi per rafforzare la resilienza urbana

D. Pellegrino, A. Cavallo, D. Marino - CURSA Università del Molise

VIII. Cambiamenti climatici e conservazione della biodiversità: l’importanza delle reti ecologiche

C. Celada, M. Soldarini - LIPU Bird Life Italia

IX. Aree protette e cambiamenti climatici: importanza – potenzialità – criticità dei Piani per i Parchi

M. C. Natalia - Servizio Aree Protette e Pianificazione Territoriale - ISPRA

X. Candidatura MAB: un’occasione di tutela e valorizzazione del territorio e di lotta ai cambiamenti climatici?

E. Cimnaghi - SiTI Istituto Superiore sui Sistemi Territoriali per le Innovazioni

XI. Monitorare gli impatti dei cambiamenti climatici per trovare risposte adeguate alla gestione del territorio: l’esperienza di Osservatorio Oasi

A. Canu - WWF Oasi

XII. Vegetazione urbana e azioni di adattamento al cambiamento climatico in Francia: dalla norma   all’iniziativa volontaria

L. Scaduto - GisLab ICAR - CNR Palermo

XIII. Pianificazione territoriale della mobilità sostenibile

G. Martellato - Mobility Manager - ISPRA, C. Marconi - Servizio Interd. per le Emergenze Ambientali - ISPRA

XIV. Aree urbane e infrastrutture verdi: soluzioni per migliorare la qualità  dell’ambiente urbano e per mitigare gli impatti dei cambiamenti climatici

Andre Filpa - Università Roma Tre, Riccardo Santolini - Università di Urbino

XV. Cambiamenti climatici e città: il ruolo del verde e il fenomeno delle isole di calore urbano

A. Fidanza - INU, A. Fiduccia - Intergraph Italia

XVI. Verso città resilienti: un approccio integrato all’adattamento e alla mitigazione a livello urbano

D. Gaudioso - Servizio Monitoraggio e Prevenzione degli Impatti sull'Atmosfera - ISPRA,

C. M. Cavelli - Nucleo di valutazione NVVIP della Regione Campania

XVII. Gli anfibi italiani e i cambiamenti climatici: effetti subiti e possibili approcci alla conservazione

P. Bombi - CNR-IBAF

XVIII. L’integrazione delle misure previste dalle Direttive Habitat, Uccelli e Acque per mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici sulle zone umide

S. D’Antoni -Servizio Aree Protette e Pianificazione Territoriale - ISPRA

XIX. Un’urgenza trascurata: come affrontare l’impatto della variazione climatica sul mare

M. Ribera d’Alcalà, V. Saggiomo Stazione Zoologica Anton Dohrn - Napoli

XX. La pianificazione spaziale delle attività di acquacoltura lungo la fascia marino-costiera

G. Marino, P. Di Marco - Dipartimento Uso Sostenibile delle Risorse - Acquacoltura, CRA 15 - ISPRA

Bibliografia e Sitografia di Interesse