Analisi dello status e della distribuzione dei rapaci diurni nidificanti nel Lazio

Azioni sul documento
Analisi dello status e della distribuzione dei rapaci diurni nidificanti nel Lazio

In passato molte specie di rapaci sono state sull’orlo dell’estinzione a causa delle forti pressioni antropiche (persecuzione diretta, pesticidi). Per tale motivo è fondamentale valutare lo stato di conservazione di questo gruppo di specie, attraverso la realizzazione di attività di studio e di monitoraggio. Il monitoraggio, in particolare, si rivela un importante strumento per analizzare le tendenze e le variazioni delle popolazioni (così come stabilito anche dall’Art.4 della Direttiva 2009/147/CE o Direttiva Uccelli “…Per effettuare le valutazioni si terrà conto delle tendenze e delle variazioni dei livelli di popolazione…”) al fine di valutare attentamente eventuali piani di azione utili a tutelare le specie più minacciate.

A distanza di 25 anni dall’ultimo censimento, l’ISPRA, nel corso del 2008–2010 in collaborazione con l’Agenzia Regionale per i Parchi del Lazio (ARP) e l’Associazione Altura , ha svolto uno studio a scala regionale specifico per monitorare le popolazioni di rapaci diurni nidificanti e valutarne lo stato di conservazione.

La pubblicazione è disponibile solo in formato elettronico.

Scarica la pubblicazione (pdf - 6 mb)

    ISPRA
    Quaderni
    (Quaderni) Natura e Biodiversità
    2/2012
    978–88–448–0529–6
    archiviato sotto: