Impacts of short rotation forestry plantations on environment and landscape in Mediterranean basin

Azioni sul documento
Impacts of short rotation forestry plantations on environment and landscape in Mediterranean basin

L’espressione SRF descrive sistemi forestali per la produzione di biomassa per fini energetici o industriali, utilizzando specie arboree forestali a rapida crescita, coltivate a distanza più densa e gestione più intensiva rispetto ai tradizionali sistemi selvicolturali. Tipicamente, il taglio avviene dopo 2-25 anni dalla piantagione, a seconda del prodotto finale desiderato e di numerosi altri fattori. In particolare, i cedui a ciclo breve si riferiscono a forme particolari di SRF, in cui le piante di specie a  rapida crescita, come salici (Salix spp.), Robinia (Robinia spp.) e pioppo (Populus spp.), in grado di rigenerarsi dal ceppo dopo il taglio, sono ceduate a intervalli che vanno da 2 a 6 anni. I cedui SRF sono considerati strumenti chiave per raggiungere gli obiettivi fissati dalla Direttiva UE sulle energie rinnovabili. Una potenziale implementazione su larga scala di cedui SRF avrà indubbiamente conseguenze, positive e negative, su una serie di caratteri ambientali. Questo rapporto prodotto dall’ISPRA nell'ambito del progetto Proforbiomed, presenta gli effetti potenziali che i cedui SRF hanno sulle risorse idriche, sul suolo, sulla diversità biologica e sul paesaggio in ambiente mediterraneo.

Pubblicazione disponibile solo in formato elettronico

Scarica la pubblicazione (Pdf - 1,71 mb)

ISPRA
Rapporti
196/2014
978-88-448-0648-4
archiviato sotto: