Presentazione del primo Rapporto ISPRA sul Danno Ambientale. I casi accertati in Italia negli anni 2017 - 2018

Azioni sul documento
Presentazione del primo Rapporto ISPRA sul Danno Ambientale. I casi accertati in Italia negli anni 2017 - 2018
Per questo evento è stato raggiunto il numero massimo di iscrizioni

ISPRA ha presentato il 17 ottobre alla Camera dei Deputati il primo rapporto sull’azione dello Stato in materia di prevenzione e riparazione del danno ambientale. Il Rapporto si sviluppa attraverso la ricostruzione dei casi di danno ambientale e di minaccia di danno ambientale accertati dal Sistema Nazionale a rete per la Protezione dell’Ambiente (SNPA) negli anni 2017 e 2018 e permette di individuare gli aspetti caratterizzanti di una materia poco conosciuta ed in continua evoluzione. Il Rapporto si inserisce in un percorso di condivisione finalizzato a costruire un nuovo approccio al tema, fondato sulla interlocuzione tra tutti i soggetti interessati, pubblici e privati, per l’individuazione delle criticità da risolvere e delle linee di sviluppo future.
"Presentiamo i casi 2017/2018, le tipologie più frequenti e come si stanno affrontando. 240 gli incarichi dal Ministero dell'Ambiente, 30 casi di sussistenza accertata; di questi 22 sono casi giudiziari e 8 extra giudiziari". Queste le prime dichiarazioni del Direttore Generale dell'ISPRA, Alessandro Bratti.

Programma

Save the date

Comunicato stampa

Schede di 10 casi accertati in Italia

Ambientali naturali più danneggiati dai 30 casi accertati (2017 -2018)

Ripartizione per regione delle 161 istruttorie tecnico-scientifiche aperte da Ispra (2017-2018)

I numeri e gli esiti delle istruttorie svolte negli anni 2017 e 2018

Rapporto "Il danno ambientale in Italia: i casi accertati negli anni 2017 e 2018"

Galleria fotografica

Presentazioni

Intervento di Hand Lopatta (European Commission) - The European Directive on Environmental Liability (ELD) - Update on recent developments (Video)

 

Segreteria Organizzativa:
Silvia Bacchiocchi – silvia.bacchiocchi@isprambiente.it

archiviato sotto: