Rapporto Rifiuti Urbani Edizione 2019

Azioni sul documento
Rapporto Rifiuti Urbani Edizione 2019

ISPRA ha presentato il 10 dicembre alla Camera dei Deputati il Rapporto Rifiuti urbani edizione 2019.
Sempre più rifiuti urbani da gestire: mezza tonnellata a testa nel 2018. Trend di nuovo in crescita con il PIL, urgenti politiche di prevenzione. Sette regioni su venti arrivano al 65% di differenziata fissato dalla normativa, salto in avanti per Sicilia e Molise. Impianti non al passo con le esigenze della differenziata, pochi e mal distribuiti. Organico il più raccolto, ma alcune regioni senza impianti per trattarlo. Esportate all’estero 500 mila tonnellate di rifiuti. "Abbiamo realizzato uno studio dal quale emerge che il 15% dei rifiuti indifferenziati è costituito da rifiuti plastici, in gran parte non di imballaggio, che non vengono adeguatamente recuperati", lo ha dichiarato il Direttore generale dell'Ispra, Alessandro Bratti.

Nel Catasto Rifiuti sono disponibili i valori relativi alla produzione e raccolta differenziata (sino al dettaglio comunale), gestione dei rifiuti (con i dettagli degli impianti), costi dei servizi di igiene urbana.

Comunicato stampa

Infografiche

Rapporto Rifiuti Urbani - Edizione 2019

Rapporto Rifiuti Urbani - Edizione 2019 - Dati di sintesi


archiviato sotto: