Sisma in Italia centrale

Azioni sul documento

Ancora per tutto il mese di marzo continueranno le attività ISPRA come Centro di Competenza a supporto della DiComaC. Anche in questo caso i sopralluoghi si concentreranno sulle verifiche di compatibilità geo-idrologica delle aree destinate alle SAE nei comuni interessati dal sisma, con particolare attenzione alle situazioni di dissesto di versante. Continuano inoltre le attività propedeutiche alla microzonazione sismica nella Macroarea coordinata da ISPRA, nella Regione Marche, nei comuni di Arquata del Tronto e Montegallo (AP).

Sisma in Italia centrale

Riattivazione frana nel comune di Force (AP) - Foto: ISPRA

Nello stesso ambito, essendo ISPRA uno degli enti aderenti al Centro per la Microzonazione Sismica e le sue applicazioni (CentroMS), l’Istituto parteciperà con una posizione di coordinamento alle attività derivanti dall’attuazione della Convenzione finanziata dal Commissario Straordinario del Governo per la Ricostruzione Sisma 2016 per il Supporto e coordinamento tecnico-scientifico delle attività di microzonazione sismica dei territori interessati dai terremoti dell’Italia centrale. Tali attività dovrebbero iniziare nei prossimi mesi per concludersi entro l’anno.
Una ulteriore attività potrà infine riguardare, a valle di un accordo con il MATTM e la Direzione del Parco Nazionale dei Monti Sibillini, la verifica delle condizioni di rischio residuo lungo una parte della rete sentieristica del parco ai fini del rilancio delle attività escursionistiche.

I dati acquisiti dalle stazioni GPS in continuo, gestite dal Servizio Geofisica di ISPRA (denominate CATO, LEOF e TERM) hanno contribuito, congiuntamente ai dati acquisiti dalle stazioni di altri Enti (INGV-RING, DPC, ItalPos, NetGeo, ASI, …),  alla definizione delle deformazioni cosismiche associate all’evento del 24 agosto 2016. Tali dati hanno permesso di definire la geometria della faglia e lo slip associato all’evento, nonché il movimento dinamico del suolo attraverso l’analisi dei dati High-Rate, come descritto nelle seguenti pubblicazioni:

- Coseismic displacement waveforms for the 2016 August 24 Mw 6.0 Amatrice earthquake (central Italy) carried out from High-Rate GPS data

- GPS observations of coseismic deformation following the 2016, August 24, Mw 6 Amatrice earthquake (central Italy): data, analysis and preliminary fault model

 

       

       

        Precedenti aggiornamenti

         

         

        Normativa

          Decreto Legge 11 novembre 2016, n. 205
          Nuovi interventi urgenti in favore delle popolazioni e dei territori interessati dagli eventi sismici del 2016, pubblicato nella GU n.264 del 11-11-2016. Entrata in vigore del provvidemento: 11 novembre 2016

          Legge 15 dicembre 2016, n. 229
          Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, recante interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dal sisma del 24 agosto 2016. (16G00243) (GU Serie Generale n.294 del 17-12-2016

          Decreto Legge 9 febbraio 2017, n. 8
          Nuovi interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici del 2016 e del 2017 (GU Serie Generale n.33 del 9-2-2017)

           

          archiviato sotto: